La Storia

La stampa ed i media in generale identificano, erroneamente, l’attività del networking svolta al CNUCE con il collegamento dell’Italia ad Internet, anzi con l’invio del primo ping per validare la connettività di Internet tra Italia ed USA. In realtà questa operazione rappresenta il punto di arrivo di un lungo processo che inizia al CNUCE nel 1970 con la costituzione del Gruppo Reti, guidato ininterrottamente da Luciano Lenzini fino al 1994, anno in cui lascia il CNUCE per passare al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa. La timeline dei progetti gestiti dal Gruppo Reti è illustrata in Figura A.

Per capire le motivazioni che hanno determinato l’avvio dei vari progetti è necessario fare alcune premesse.

La rete ARPANET, progenitrice di Internet, è nata il 29 Ottobre del 1969. Alle ore 22:30 di quel giorno, per la prima volta nella storia, fu trasmesso un messaggio (LOGIN) tra un computer o host della University of California at Los Angeles ad un host dello Stanford Research Institute (Palo Alto – S. Francisco).  La Figura 1 illustra la configurazione di ARPANET alla fine del 1969: quattro hosts collegati ad altrettanti Interface Message Processors o IMPs, antenati degli attuali routers come si chiamano oggi.

Enlarge

schizzo_rete_arpanet
Figura 1a: Configurazione di ARPANET nell’autunno del 1969

Enlarge

prof_kleinrock
Figura 1b: Il Prof. Leonard Kleinrock con il primo IMP

Figura 1b: Il Prof. Leonard Kleinrock con il primo IMPQuesto evento, di portata storica, è stato registrato manualmente (Figura 2) sul quaderno di log gestito dal tecnico che inviò il primo messaggio.

Enlarge

log_primo_messaggio_arpanet
Figura 2: Record di log del primo messaggio ARPANET

ARPANET si sviluppò molto rapidamente negli USA ed a metà degli anni ’70, già collegava un gran numero di Università e centri di ricerca USA.

In parallelo all’espansione di ARPANET si svilupparono altre reti su mezzi trasmissivi broadcasting. Si pensi, ad esempio, ad Ethernet (cavo coassiale), ALOHA (canale radio) e SATNET (canale satellitare). Queste reti, utilizzando architetture e protocolli eterogenei tra di loro – perché progettate da gruppi diversi di ricercatori – non erano in grado di comunicare, nel senso che due host collegati a reti distinte non erano in grado di scambiarsi messaggi. Il problema della interconnessione tra reti fu risolto brillantemente da Vinton Cerf and Robert Kahn con l’invenzione del TCP/IP,  (Transmision Control Protocol/Internet Protocol), il cuore di Internet, lavoro pubblicato nel 1974.

Il mondo scientifico italiano aveva seguito gli sviluppi ARPANET fin dalla sua nascita. A Pisa, il Rettore dell’Università, Alessandro Faedo, e il Direttore del CNUCE, Guido Torrigiani intravidero in una rete del tipo ARPANET un’opportunità straordinaria, non solo per svolgere studi e ricerche in un settore scientifico allora di frontiera, ma anche per valutare l’impatto che tale tecnologia avrebbe avuto nel modo di erogare servizio di calcolo scientifico da parte dei centri di calcolo nazionali universitari e del CNR.

Per poter concretizzare queste intuizioni, nel 1970 fu avviato il progetto REEL (Rete di Elaboratori) per la progettazione e la realizzazione di una rete di calcolatori tra i centri di calcolo delle istituzioni (Figura 3) aderenti al progetto: nasceva RPCNET (REEL Project Computer NETwork), le cui specifiche furono completate  alla fine del 1974.

Figura 3: I partners del progetto REEL

Per rendere il progetto REEL visibile a livello nazionale, il 21 ottobre del 1976, CNUCE e Centro Scientifico IBM di Pisa tennero una conferenza stampa a Milano per i giornalisti scientifici italiani; il giorno successivo, a Venezia, si svolse una giornata di studio (Figura 4) dedicata alla presentazione dell’architettura e dei protocolli di RPCNET: vi presero parte, davanti a un folto pubblico, i principali rappresentanti della comunità scientifica nazionale e delle aziende che in quel periodo operavano nel settore ICT. Per la prima volta, a livello italiano, veniva presentata la prima rete nazionale interamente progettata e realizzata in Italia, con funzionalità addirittura più avanzate rispetto ad ARPANET.

Hi there! I’m a bike messenger by day, aspiring actor by night, and this is my website. I live in Los Angeles, have a great dog named Jack, and I like piña coladas. (And gettin’ caught in the rain.)

…or something like this:

The XYZ Doohickey Company was founded in 1971, and has been providing quality doohickeys to the public ever since. Located in Gotham City, XYZ employs over 2,000 people and does all kinds of awesome things for the Gotham community.

As a new WordPress user, you should go to your dashboard to delete this page and create new pages for your content. Have fun!